Compensazione dei crediti in via giudiziale: quando è possibile?

 
Cassazione Sez. Un. Civili 15 novembre 2016, n. 23225
Le Sezioni Unite della Suprema Corte, con una recentissima sentenza in tema di compensazione giudiziale, hanno ribadito importanti principi in materia di compensazione.
I presupposti sostanziali ed oggettivi del credito opposto in compensazione sono la liquidità, la certezza e la sua esigibilità. Verificata la ricorrenza dei predetti requisiti, il giudice può dichiarare l’estinzione del credito principale per compensazione legale a decorrere dalla coesistenza con il controcredito.
Tuttavia se il credito opposto in compensazione è certo, ma non liquido, nel senso di non determinato in tutto o in parte nel suo ammontare, il giudice può provvedere alla relativa liquidazione solo se è facile e pronta. Di conseguenza il giudice o dichiara estinto il credito principale per compensazione giudiziale fino alla concorrenza con la parte di controcredito liquido, oppure sospende cautelativamente la condanna del debitore fino alla liquidazione del controcredito eccepito in compensazione.
Se invece è controversa l’esistenza del controcredito opposto in compensazione (art. 35 cod. proc. civ.), nel medesimo giudizio instaurato dal creditore principale o in altro giudizio già pendente, il giudice non può pronunciare la compensazione, né legale né giudiziale. La compensazione giudiziale, di cui all’art. 1243 secondo comma cod. civ., presuppone infatti l’accertamento del controcredito da parte del giudice dinanzi al quale la medesima compensazione è fatta valere, mentre non può fondarsi su un credito la cui esistenza dipenda dall’esito di un separato giudizio in corso e prima che il relativo accertamento sia divenuto definitivo. In tale ipotesi, pertanto, resta esclusa la possibilità di disporre la sospensione della decisione sul credito oggetto della domanda principale e va esclusa l’applicabilità della sospensione di cui all’art. 295 cod. proc. civ. o all’art. 337 secondo comma cod. proc. civ..
Se vuoi leggere il testo della sentenza, clicca qui.
Avv. Stefania Piacentini
 
Torna indietro