Integrazione CIGS anche all’impresa che cessi l’attività produttiva o ceda l’azienda

 
E’ quanto stabilito con decreto 25 marzo 2016 n. 95075 del Ministero del Lavoro per andare incontro a quelle aziende che, già ammesse alla CIGS, non riescano ad arrivare sino in fondo al piano di crisi aziendale e a garantire la continuità aziendale e la salvaguardia dei livelli occupazionali. Sulla base di quanto previsto nel cennato decreto ove l’impresa cessi l’attività durante la CIGS oppure si ravvisino prospettive di cessione dell’impresa in grado di favorire la salvaguardia dei posti di lavoro, è possibile richiedere la prosecuzione della CIGS per un periodo non superiore ai dodici mesi nell’anno 2016 (nove mesi nel 2017 e sei mesi nel 2018). Il menzionato provvedimento ministeriale individua specificamente i requisiti che devono sussistere ai fini del rilascio dell’autorizzazione; fra questi è in particolare previsto un accordo presso il Ministero del lavoro con la presenza del Ministero dello sviluppo economico.
Se vuoi leggere il testo integrale del decreto, clicca qui.
Avv. Giovanni Cinque
 
Torna indietro