Sulla natura vessatoria della clausola di tacito rinnovo dei contratti stipulati in difetto di loro tempestiva disdetta

 
Relativamente ad una controversia insorta tra un musicista ed una serie di imprese discografiche con le quali il ricorrente aveva stipulato diversi contratti, la Suprema Corte con sentenza n. 4047 del 1° marzo 2016 ha ribadito che, pur se una clausola, predisposta unilateralmente, non è a carico soltanto dell’altro contraente (avendo effetto per entrambe le parti), non è sottratta alla necessità di specifica approvazione per iscritto ai sensi dell’art. 1341 cod. civ.
La ragione sta nel fatto che comunque colui che la propone ha preventivamente valutato i vantaggi che gli deriveranno dalla sua accettazione, a differenza del contraente per adesione: ecco perchè è necessario che quest’ultimo vi ponga particolare attenzione.
Nel caso di specie il giudice di legittimità, accogliendo il ricorso, ha cassato con rinvio la decisione impugnata con la quale la corte distrettuale non aveva ritenuto la natura vessatoria della clausola di tacito rinnovo dei contratti stipulati in difetto di loro tempestiva disdetta.
La decisione in parola suscita particolare interesse anche per aver specificato, conformemente alla miglior dottrina, che il contratto di edizione si configura come contratto per effetto del quale l’autore concede all’editore - salvo patto contrario – l’esclusività del diritto di pubblicare l'opera, che comprende il diritto di riproduzione per le stampe e di distribuzione commerciale degli esemplari riprodotti per proprio conto ed a proprie spese, tanto, precisa la Cassazione, si evince con tutta chiarezza dall’art. 126 della legge sul diritto d'autore ai sensi del quale l’editore è obbligato a riprodurre e porre in vendita l’opera con il nome dell’autore, configurandosi poi il pagamento del compenso all’autore, come regolato dagli artt. 122 e 126 della legge citata, quale altro elemento qualificante il rapporto contrattuale in commento.
Se vuoi leggere il testo della sentenza, clicca qui.
Dott.ssa Marta Cobianchi
 
Torna indietro