Difensore del condominio in assenza di delibera assembleare.

 
Non è necessaria una delibera dell’assemblea condominiale per la nomina di un difensore, per cui l’amministratore può incaricare un avvocato di fiducia senza bisogno di alcuna autorizzazione né preventiva né successiva.
A chiarire le facoltà concesse dalla legge all’amministratore nell’esercizio dei suoi poteri è stata la Cassazione con la sentenza n. 8309 pubblicata il 23 aprile scorso, pronunciandosi sull’impugnazione di una delibera condominiale relativa all’esecuzione di lavori di manutenzione straordinaria e alla conseguente ripartizione delle spese.
Nella vicenda portata all’attenzione della S.C., il condomino che aveva trascinato in giudizio l’intero condominio, eccepiva, tra le altre cose, il difetto di rappresentanza processuale da parte dell’amministratore, poiché quest’ultimo aveva conferito il mandato difensivo ad un avvocato di sua fiducia, senza alcuna delibera dell’assemblea che a ciò lo autorizzasse e senza alcuna ratifica successiva.
In particolare il ricorrente impugnava la decisione della Corte d’Appello di Genova, dolendosi del vizio di motivazione e violazione di legge in cui era incorso il giudice territoriale per avere respinto la sua domanda sul difetto di potere rappresentativo dell’amministratore, limitandosi a menzionare le ragioni di urgenza senza esplicitarne i contenuti e per avere riconosciuto l’esistenza di tale potere in mancanza di una delibera assembleare, invece di dichiarare l’assenza del mandato difensivo e il passaggio in giudicato della sentenza di primo grado.
Ma, per la S.C. il motivo è risultato infondato.
Ribadendo i principi consolidati nella giurisprudenza di legittimità (cfr. Cass. n. 1451/2014; Cass. n. 27292/2005), la Cassazione ha ricordato che l’amministratore, nell’esercizio dei suoi poteri di rappresentanza processuale ad agire e a resistere non ha bisogno di alcuna autorizzazione dell’assemblea, cosa che peraltro è perfettamente rispondente alla ratio della recente riforma condominiale che ha ampliato la sfera delle competenze e delle responsabilità dell’amministratore stesso.
Per cui, ha concluso la S.C., rigettando il ricorso, in tema di condominio negli edifici, l’amministratore può validamente “resistere all'impugnazione della delibera assembleare e può gravare la relativa decisione del giudice, senza necessità di autorizzazione o ratifica dell'assemblea, giacché l'esecuzione e la difesa delle deliberazioni assembleari rientra fra le attribuzioni proprie dello stesso”.
Se vuoi leggere il testo integrale della sentenza, clicca qui.
Avv. Federica Mingione
 
Torna indietro