Il dirigente non vigila secondo le direttive della società: il licenziamento è legittimo.

 
Cass. Civ. Sez. Lav. sentenza n. 20908 del 12 settembre 2013.
Il direttore tecnico dell’officina farmaceutica, incurante delle direttive della società in materia di vigilanza, non osserva le procedure e gli adempimenti prescritti. Nessuna campionatura dei contenitori dei principi attivi, nessuna registrazione delle attività di pulizia e manutenzione nei registri macchina, nessun lavaggio dei filtri mescolatori.
Di fronte alla contestazione disciplinare della società, il direttore tecnico, qualificato come dirigente, si giustifica limitandosi a precisare che le mancanze non erano a lui imputabili, ammettendone implicitamente l’esistenza.
La società lo licenzia sulla scorta del fatto che il dirigente, con la sua condotta, aveva irrimediabilmente leso il vincolo fiduciario necessario per un sereno svolgimento del rapporto lavorativo.
La Suprema Corte, in accordo con la società, respinge le pretestuose ragioni addotte dal dirigente e conferma la legittimità del licenziamento intimato dall’azienda produttrice di farmaci.
Se vuoi leggere il testo integrale della sentenza clicca qui.
Dott. Fabio Fontana
 
Torna indietro