Clausole vessatorie.

 
Il Tribunale di Torino con la recente sentenza del 2 luglio 2013 ha ribadito il principio che l’efficacia della clausola vessatoria è subordinata alla specifica approvazione per iscritto attraverso la doppia sottoscrizione ai sensi degli artt. 1341 e 1342 c.c., nei soli casi in cui sia inserita in contratti recanti condizioni generali predisposte da uno solo dei contraenti ovvero conclusi mediante moduli o formulari. Al contrario se le predette clausole risultano essere il frutto di una trattativa e/o discussione tra le parti, provata documentalmente, non possono essere considerate vessatorie avendo entrambe le parti contributo alla loro redazione condividendone i contenuti.
Se vuoi leggere il testo della sentenza clicca qui.
Avv. Stefania Piacentini
 
Torna indietro