Clausola compromissoria: limiti ed operatività

 
Nel caso in cui un contratto contenga sia una clausola compromissoria, sia una clausola che individua in via esclusiva la competenza di un determinato foro, insorge un dubbio sull'effettiva volontà delle parti di deferire la causa agli arbitri, con la conseguenza che, in caso di incertezza, deve darsi la prevalenza alla competenza del giudice ordinario. Lo ha stabilito il Tribunale di Milano con una recente sentenza del 10 settembre 2012 che in presenza di questioni interpretative dubbie e dettati contrattuali poco chiari, definisce una vera e propria gerarchia tra giustizia ordinaria e giustizia arbitrale, a vantaggio (ovviamente) della prima.
Se vuoi leggere la sentenza completa clicca qui
 
Torna indietro