Riforma del mercato del lavoro, segue: dimissioni volontarie.

 
L’art. 4 commi da 16 a 22 della legge di riforma del mercato del lavoro ha (re)introdotto una particolare procedura di convalida delle dimissioni e della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro al fine di eliminare ogni forma di abuso delle dimissioni firmate in “bianco”.
La convalida può avvenire in due modi: facendo sottoscrivere al lavoratore dimissionario una dichiarazione di conferma delle dimissioni apposta in calce alla ricevuta di trasmissione della comunicazione di cessazione del rapporto di lavoro al competente Centro per l’Impiego, oppure invitando il dipendente dimissionario a confermare la volontarietà delle dimissioni dinanzi agli organi della Direzione Territoriale del Lavoro.
Entrambe le modalità di convalida devono essere praticate entro e non oltre 30 giorni dalla ricevimento delle dimissioni, a pena di inefficacia delle stesse.
L’invito a convalidare le dimissioni oppure a sottoscrivere la ricevuta della trasmissione della relativa comunicazione deve essere seguito entro il termine di sette giorni, dall’adesione del dipendente dimissionario, mancando la quale il rapporto di lavoro s’intende risolto.
La procedura di convalida sopra descritta non è richiesta nel caso in cui la risoluzione del rapporto di lavoro avvenga in sede sindacale o istituzionale oppure nell’ambito di procedure tipizzate di riduzione del personale.
Se vuoi leggere la circolare del Ministero del Lavoro del 18 luglio 2012 clicca qui.
 
Torna indietro