Collegio sindacale e revisione legale: cosa cambia nelle SpA e nelle Srl.

 
Il decreto legge sulle semplificazioni e sullo sviluppo (9 febbraio 2012, n. 5) ha rivoluzionato il sistema dei controlli societari.
Nell’ambito delle Srl l’obbligo di un organo di controllo oppure, alternativamente, di un revisore sussiste in uno dei seguenti casi: (a) quando il capitale non sia inferiore ai 120 mila euro, (b) se la Srl è tenuta alla redazione del bilancio consolidato, (c) se la Srl controlla una società obbligata alla revisione legale dei conti, (d) se la Srl per due esercizi consecutivi ha superato due dei limiti che vietano la reazione del bilancio in forma abbreviata (4,4 milioni di euro di attivo dello stato patrimoniale, 8,8 milioni di euro di ricavi, 50 dipendenti occupati in media durante l’esercizio). Tale divieto viene meno se, per due esercizi consecutivi, i predetti limiti non vengano superati.
Per quanto concerne le Spa si prevede che nel caso in cui sussistano le condizioni per la redazione del bilancio in forma abbreviata, le funzioni del collegio sindacale siano esercitate da un sindaco unico, scelto tra i revisori legali iscritti nell’apposito registro. Occorre invece nominare un organo collegiale di controllo se ciò è previsto nello statuto societario oppure quando dal bilancio d’esercizio emerga il venir meno dei presupposti per la redazione del bilancio in forma abbreviata.
Se vuoi leggere il testo integrale delle disposizioni in commento clicca qui.
 
Torna indietro