RITARDI NEI PAGAMENTI DELLA P.A. E TRA I PRIVATI: LA PROPOSTA DI DIRETTIVA UE

 
E’ in discussione al Parlamento Europeo una nuova direttiva che prevede l`armonizzazione del termine massimo di pagamento a 30 giorni, sia per i rapporti contrattuali tra privati e Pubblica Amministrazione che tra privati (anche se in questo caso la direttiva lascia la possibilita` agli operatori di fissare, di comune accordo, termini di pagamento diversi dai 30 giorni), nonche` l`introduzione di sanzioni finanziarie nel caso di ritardato pagamento. Queste sanzioni consistono nel pagamento di interessi, nel pagamento di un indennizzo per i maggiori costi amministrativi e burocratici e, nel caso della Pubblica Amministrazione, nel pagamento di un ulteriore indennizzo forfettario fino al 5% della somma dovuta. In attesa dell`approvazione da parte del Parlamento Europeo, una nota del Centro Studi e dell`Ufficio Rapporti con l`Unione Europea dell`Ance fa il punto sulla proposta di direttiva presentata a febbraio scorso dall`On.le Weiler, relatrice in commissione ``mercato interno`.
 
Torna indietro