GARE PUBBLICHE: POSSIBILE “INTEGRARE” LA DOCUMENTAZIONE MA A CERTE CONDIZIONI.

 
Nelle gare di appalto la stazione appaltante non può richiedere alle imprese concorrenti di regolarizzazione la documentazione presentata se vale ad integrare ciò che, in base a previsioni univoche del bando o della lettera di invito, avrebbe dovuto essere prodotte a pena di esclusione. L’esercizio della facoltà della stazione appaltante di invitare alla regolarizzazione non può mai determinare una alterazione della par condicio delle imprese, attraverso una modifica dell'offerta incidente su elementi o formalità essenziali della stessa, ma può riguardare soltanto documenti già presentati e non dichiarazioni o documentazioni omesse.
In forza di ciò il Consiglio di Stato con sentenza n. 8386/2009 ha ritenuto legittima l’esclusione dalla gara di una ditta che non aveva compilato integralmente il modello di autocertificazione richiesto, a pena di esclusione, dal bando.
 
Torna indietro