RICORSO: ANCORA INCERTEZZA SUL TERMINE PER I MOTIVI AGGIUNTI NEL RITO ACCELERATO IN MATERIA DI APPALTI.

 
Nonostante i differenti orientamenti giurisprudenziali, il dimezzamento dei termini processuali ex art. 23-bis della Legge TAR si applica anche al termine per la proposizione del ricorso per i motivi aggiunti, in base ad un'interpretazione letterale, secondo cui solo i termini per la proposizione del ricorso principale non subiscono riduzioni, secondo la peculiare finalità acceleratoria, voluta dalla l. 205/2000 di riforma del processo amministrativo.
 
Torna indietro