MASSIMO SCOPERTO E NUOVE COMMISSIONI BANCARIE SUGLI AFFIDAMENTI

 
L’art. 2 bis, l. 28 gennaio 2009, n. 2,  entrato in vigore il 28 giugno 2009, ha eliminato la commissione per massimo scoperto per un periodo continuativo inferiore ai trenta giorni e, di contro, ha introdotto una nuova commissione bancaria “per il servizio di messa a disposizione delle somme” ovvero per ogni tipologia di affidamento. Oggi l’art. 2, d.l. 1 luglio 2009, n. 78 (cd. decreto anticrisi) ha chiarito che l’ammontare complessivo della nuova commissione “non può superare lo 0,5 per cento, per trimestre, dell’importo dell’affidamento”. La disposizione si segnala anche per i limiti introdotti alle date di valuta e di disponibilità economica applicabili a tutti i bonifici, assegni circolari e bancari (uno, uno e tre giorni successivi alla data del versamento per la data di valuta e quattro, quattro e cinque giorni per la disponibilità economica a favore del beneficiario), il tutto a partire dal 1° novembre 2009. Resta da vedere se queste disposizioni saranno mantenute, in tutto o in parte, oppure emendate in sede di conversione.
Clicca qui se vuoi leggere il testo integrale
 
Torna indietro