AIUTI DI STATO ALLE IMPRESE: CON APPOSITA DIRETTIVA IL GOVERNO FISSA I PRINCIPI PER DARE ATTUAZIONE AL “QUADRO DI RIFERIMENTO TEMPORANEO COMUNITARIO PER LE MISURE DI AIUTO DI STATO A SOSTEGNO DELL’ACCESSO AL FINANZIAMENTO NELL’ATTUALE SITUAZIONE DI CRISI FINANZIARIA ED ECONOMICA”, DI CUI ALLA COMUNICAZIONE DEL 22 GENNAIO 2009 DELLA COMMISSIONE EUROPEA

 
Con direttiva pubblicata il 9 giugno 2009 il Governo ha impartito alle amministrazioni interessate (in primis, quelle regionali) i principi da osservare nella erogazione degli aiuti di stato alle imprese sulla base di quanto concordato dalla Commissione Europea il 22 gennaio scorso. In particolare, potranno beneficiarne esclusivamente quelle imprese che non versavano in condizioni di difficoltà alla data del 30 giugno 2008 o che non abbiano rimborsato aiuti analoghi ricevuti in precedenza. Gli aiuti previsti sono di varia natura: aiuti di importo limitato sino a 500.000,00 euro al lordo d’imposta, aiuti sotto forma di garanzie, aiuti sotto forma di tasso di interesse agevolato ed aiuti per la produzione di “prodotti verdi” che innalzino il livello di tutela ambientale o che comportino un adeguamento anticipato agli standard comunitari di prodotto, in particolare tali aiuti potranno essere concessi per l’avvio di nuovi progetti ed anche per progetti esistenti, qualora sia necessario consentirne il proseguimento a causa della mutata situazione economica.
Gli aiuti possono essere finanziati sia con fondi nazionali sia cofinanziati dalla Unione europea.
Se vuoi leggere il testo integrale della direttiva clicca qui.
 
Torna indietro